Spinea e la piazza che non c’è – ma ci sarà

Spinea e la piazza che non c’è – ma ci sarà

Spinea, purtroppo, una piazza vera e propria non ce l’ha. E quindi? La città è destinata ad essere soltanto un punto di passaggio? Assolutamente no, grazie a un’idea nata da alcuni studenti dello IUAV (Istituto Universitario di Architettura Venezia) nel 2012 e portato avanti da Comune e Confesercenti Venezia.

Perché partecipiamo a questo progetto di riqualificazione urbana? Perché è di fondamentale importanza anche per rilanciare il commercio in centro.

Ma vediamo che cos’è questo progetto e come può aiutare le attività commerciali di Spinea.

La nuova piazza di Spinea sarà lunga 1 chilometro

L’idea proposta dagli studenti dello IUAV è stata accolta dal Comune, andando poi a costituire la base del progetto che, nel 2013, ha ricevuto i finanziamenti dalla Regione per i “Distretti urbani del Commercio”.

Da allora, il governo cittadino e Confesercenti hanno continuato a lavorarci su, cercando la collaborazione di Pro Loco, attività commerciali e associazioni di volontariato e di categoria.

Nell’ambito delle attività del Distretto del Commercio, nell’Ottobre scorso, Confesercenti Venezia ha infatti organizzato il laboratorio “Scrivi il futuro di SpineaL’incontro, aperto a tutti, è servito a raccogliere le idee su come creare un punto di aggregazione, in città.

E commercianti, cittadini, studenti e associazioni sono stati d’accordo su un punto: il cuore della riqualificazione di Spinea deve essere via Roma. Per questo la sua nuova piazza sarà lunga un chilometro.

La riqualificazione di una città passa per il suo centro

Ecco come il Comune di Spinea, Confesercenti e gli altri partner pensano di attuare questa iniziativa per il rilancio del centro:

  • valorizzare gli spazi culturali presenti sull’asse di via Roma: la biblioteca, il cinema e le ville;
  • organizzare eventi e manifestazioni che coinvolgano questi spazi;
  • collaborare con commercianti e artigiani per mostrare a loro e ai cittadini le potenzialità di quest’area, che può diventare un vero centro urbano, e non rimanere solo un punto di passaggio.

A che punto è il progetto? Potete scoprirlo in questo servizio, presentato dal TG Miranese del 4 Novembre 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti a Confesercenti

Info Seac