Diritto di recesso: tutela del consumatore e cortesia del commerciante

Diritto di recesso: tutela del consumatore e cortesia del commerciante

Il “diritto di recesso” o “di ripensamento” che consente al compratore di restituire la merce acquistata con il conseguente rimborso di quanto pagato, può essere esercitato dal consumatore solo in caso di acquisti effettuati a distanza (vendite on-line) o fuori dai locali commerciali (a domicilio). 

Il consumatore che acquista un bene in un negozio non ha quindi il diritto di ripensarci e di restituire la merce acquistata a meno che, ovviamente, questa non abbia un vizio od un difetto.

I beni acquistati da un consumatore, per uso proprio e della propria famiglia, godono, infatti, di una garanzia piena ed assoluta di due anni, e di almeno un anno quando si tratta di un bene usato.

 Nel periodo dei saldi cosa accade?

In particolare nel periodo dei saldi occorre ricordare quindi che – ove possibile – è sempre meglio provare l’articolo scelto, perchè la possibilità di cambiare il capo o il prodotto non è imposta dalla legge. Se si è incerti sull’acquisto sarà utile chiedere al negoziante se è possibile effettuare un cambio e il limite di tempo per farlo.

Cambiare la merce: la cortesia del commerciante

Se il commerciante accetterà di cambiare o sostituire il bene acquistato, il che è a sua completa discrezione,  il consumatore deve comunque ricordarsi di conservare sempre lo scontrino. Senza scontrino sarà comunque impossibile restituire la merce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cartellonistica COVID19

Speciale Coronavirus

Iscriviti a Confesercenti

Info Seac