Solo “bottigliette” per l’olio d’oliva nei ristoranti

Solo “bottigliette” per l’olio d’oliva nei ristoranti

Dal 25 novembre, per effetto dell’entrata in vigore della legge cosiddetta “comunitaria”, gli oli di oliva vergini proposti in confezioni nei pubblici esercizi, fatti salvi gli usi di cucina e di preparazione dei pasti, devono essere presentati in contenitori etichettati conformemente alla normativa vigente, forniti di idoneo dispositivo di chiusura in modo che il contenuto non possa essere modificato senza che la confezione sia aperta o alterata; dovranno essere inoltre provvisti di un sistema di protezione che non ne permetta il riutilizzo dopo l’esaurimento del contenuto originale indicato nell’etichetta

Messe al bando le vecchie oliere sulla tavola del ristorante sarà quindi ammesso solo olio d’oliva in bottiglie etichettate e “anti rabbocco”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cartellonistica COVID19

Speciale Coronavirus

Iscriviti a Confesercenti

Info Seac