Nel decreto legge 111/2019 in vigore dal 15 ottobre 2019, “contrasto ai cambiamenti climatici e il miglioramento della qualità dell’aria” è stato introdotto l’articolo 7 al fine di ridurre la produzione di rifiuti e contenere gli effetti climalteranti.

“Agli esercenti commerciali di vicinato e di media struttura di cui all’articolo 4, comma 1, lettere d) ed e) del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114, che attrezzano spazi dedicati alla vendita ai consumatori di prodotti alimentari e detergenti, sfusi o alla spina, è riconosciuto, in via sperimentale, un contributo economico a fondo perduto pari alla spesa sostenuta e documentata per un importo massimo di 5.000 euro ciascuno, a condizione che il contenitore offerto dall’esercente non sia monouso”.
Entro il termine di sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, sono fissate le modalità per l’ottenimento del contributo nonche’ per la verifica dello svolgimento dell’attività di vendita per un periodo minimo di tre anni a pena di revoca.