Super bonus del 110%: chiarimenti

Super bonus del 110%: chiarimenti

Il superbonus del 110% previsto dal “decreto rilancio” è diventato pienamente operativo da agosto e consente di cedere a terzi, a una banca o a un altro soggetto, in cambio di un finanziamento, il quantitativo di sconto valido per ridurre debiti fiscali. 

Queste opzioni non sono limitate solo al nuovo superbonus, ma sono estese anche a tutti gli altri bonus in vigore (come il bonus facciate) e a tutte le altre detrazioni ordinarie (ecobonus, ristrutturazioni ecc.).

 Le prime banche a strutturare delle proposte per la cessione del credito sono state UniCredit e Intesa Sanpaolo.

A queste si è recentemente aggiunto il mondo assicurativo con costi più o meno analoghi

Generali Italia e UniCredit, ad esempio, prevedono l’acquisto del credito del superbonus a 102 euro per ogni 110 per i privati (proprietari, affittuari e condomini) e a 100 euro per ogni 110 per le imprese.

 Per poter beneficiare dell’agevolazione attraverso “cessione del credito” o “sconto in fattura” è tuttavia necessario un visto di conformità rilasciato dai soggetti abilitati alla trasmissione telematica delle dichiarazioni come, ad esempio, il CAF di Confesercenti, che accerti la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione e che va rilasciato al termine dei lavori o per ogni stato di avanzamento.

 Si tratta ovviamente di un ulteriore onere che appesantisce una procedura già molto complessa, ma il cui costo – come tutte le spese per la progettazione e le prestazioni professionali –  rientra comunque tra quelli detraibili.

Condomini

Ricordiamo che, nel caso di condomini – qualora la superficie complessiva delle unità immobiliari destinate a residenza sia superiore al 50%, – è possibile ammettere alla detrazione anche i proprietari e i detentori di unità immobiliari non residenziali (ad esempio immobile strumentale o merce).

In questo caso, però, sarà possibile detrarre al 110% solo le spese per le parti comuni.

Resta in ogni caso possibile optare per lavori agevolabili sia con il Superbonus al 110% (unità residenziali) sia con il Bonus Facciate al 90% (unità non residenziali).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti a Confesercenti

Info Seac