Mirano: l’11% dei negozi sfitti, si proceda col distretto

Mirano: l’11% dei negozi sfitti, si proceda col distretto

L’obiettivo dell’indagine Confesercenti sullo stato del commercio a Mirano è chiaro: portare un contributo sul tavolo del parternariato del Distretto del Commercio per avviare riflessioni e avanzare proposte sul tema della rigenerazione urbana della città.

“Dai dati raccolti non emerge una situazione allarmante dello status generale del commercio a Mirano – spiega Maurizio Franceschi, Direttore Confesercenti Città Metropolitana di Venezia – Tuttavia, una riflessione seria va fatta perchè ci sono alcune vie centrali di Mirano che presentano forti criticità e dove, il dato raccolto dei negozi sfitti, è pari alla metà dei negozi presenti sulla stessa area. L’analisi da noi realizzata ci consente dunque di concentrare l’attenzione su determinati focus e di progettare, all’interno del distretto del commercio, un piano di proposte ed interventi in grado di rilanciare l’offerta commerciale dell’intera città”.

393 i negozi censiti nell’area centrale di Mirano, tra cui spiccano 76 servizi, 61 negozi di abbigliamento, 40 bar, 28 ristoranti, 27 alimentari, 22 parrucchieri/estetiste e 10 farmacie; 44 sono invece i “negozi sfitti”, ovvero una percentuale pari all’11% sul totale.

“Il dato complessivo degli sfitti pertanto non è per ora così preoccupante, ma è da tenere monitorato – prosegue Franceschi – Quello che invece dà nell’occhio, è il dato delle vie centrali come via Colombo, via Bastia Entro e via XX Settembre, dove risulta che la percentuale degli sfitti è pari al 50% nella prima, al 33% nella seconda e al 21%”.

Confesercenti ha già messo a disposizione del Sindaco di Mirano e del Manager di Distretto l’osservatorio realizzato su Mirano, ritenendola una base di partenza per progetti condivisi.

MiranoTabella osservatorio sul commercio Unica (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti a Confesercenti

Info Seac