Vaccini per tutti i lavoratori del turismo

Vaccini per tutti i lavoratori del turismo

Il 26 gennaio 2020 le organizzazioni del turismo aderenti a Confesercenti (Assocamping, Assohotel, Assoviaggi, Fiba e Fiepet)  e Confcommercio hanno sottoscritto un accordo per richiedere alle autorità competenti l’inserimento dei lavoratori del settore turismo  tra le categorie prioritariamente destinatarie della vaccinazione contro SARS-CoV-2/Covid-19.

Il fine della richiesta è favorire il rilancio dell’economia turistica assicurando l’esercizio in piena sicurezza delle attività legate al turismo. Per garantire il successo della campagna vaccinale, le parti hanno infine concordato di attivarsi per promuovere, tra i lavoratori occupati, campagne di informazione e sensibilizzazione finalizzate alla vaccinazione.

“Il comparto e i suoi imprenditori dopo oltre 10 mesi di inattività, con ristori del tutto insufficienti e zero incassi , non hanno alcuna possibilità di sopravvivere senza una ripartenza, seppure limitata entro la tarda primavera. Non esiste un piano B. Senza un rilancio, anche scaglionato e contingentato delle imprese turistiche ormai al collasso” – dichiara Francesco Mattiazzo, Assoturismo Veneto. – “la vaccinazione, diventa un fattore chiave per salvare la stagione 2021” – continua …. – “In questo modo si risponde infatti alle esigenze di sicurezza ed igiene dei clienti e luoghi consentendo la fruizione delle strutture e di servizi”

Confesercenti cerca anche, in questo modo, di assicurare la sopravvivenza alle oltre 380mila imprese del settore e ai loro 4 milioni di addetti. Secondo le stime dell’Associazione un ulteriore periodo di restrizioni porterebbe alla perdita di 15 miliardi di consumi rispetto al primo trimestre 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti a Confesercenti

Info Seac