Lockdown prorogato al 3 maggio 2020

Lockdown prorogato al 3 maggio 2020

Il presidente del Consiglio ha firmato il suo undicesimo Dpcm legato all’emergenza sanitaria.
Il Decreto proroga il lockdown fino al 3 maggio, con l’eccezione di alcune attività da martedì 14 che potranno riaprire nel rispetto dei criteri di sicurezza e distanziamento sociale

Si tratta di aperture prevalentemente simboliche che non rappresentano ancora l’avvio della cosiddetta “fase 2”.
Si aggiungono infatti, alle attività già consentite con i precedenti decreti (si veda elenco dell’allegato al DPCM): librerie, negozi abbigliamento per bambini, produzione di fertilizzanti e prodotti chimici per l’agricoltura, di utensileria manuale, industria di legno e sughero (esclusi i mobili), produzione di articoli in paglia e i materiali da intreccio, costruzione e produzione di Pc, periferiche e componenti e schede elettroniche, attività di riparazione e manutenzione di aerei e treni, cura e manutenzione del paesaggio, commercio all’ingrosso, compreso quello di carta e cartone.

 

Misure igieniche per gli esercizi commerciali

Tutti gli esercizi commerciali devono rispettare le misure igieniche indicate nell’allegato 5 del decreto.

Si va dall’obbligo dell’uso guanti monouso, al gel per disinfettare le mani disponibili accanto alle casse e ai sistemi di pagamento, all’uso di mascherine nei luoghi chiusi.
La norma prevede anche le pulizie dei locali almeno due volte al giorno, con garanzia di ricambio d’aria e per i piccoli negozi, dove possibile, percorsi diversi per entrate e uscite.
Tra le misure utili per evitare code (e quindi rischio assembramenti) anche l’allungamento degli orari d’apertura

Scarica qui il DPCM 10 aprile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti a Confesercenti

Info Seac