Modifica delle scadenze fiscali in tutta Italia

Modifica delle scadenze fiscali in tutta Italia

Il Coronavirus modifica le scadenze fiscali in tutta Italia.
Il decreto varato dal Governo ha approvato lo slittamento della consegna e trasmissione del modello 730 al 30 settembre.
Nessuna conseguenza per quanto riguarda i rimborsi in busta paga. Infatti chi presenterà il 730 a maggio si vedrà effettuare il conguaglio (a credito o a debito) nella retribuzione del cedolino giugno o, al massimo, in quello di luglio.

Più tempo anche per l’invio della Certificazione Unica.

Per la trasmissione dei dati sui redditi tramite CU, infatti, i sostituti d’imposta hanno a disposizione tutto il mese di marzo .
I datori di lavoro, quindi, avranno a disposizione fino al 31 marzo per inoltrare la comunicazione all’Agenzia delle Entrate che per consegnare la documentazione al lavoratore dipendente.
Gli slittamenti concessi obbligano a spostare in avanti anche la dichiarazione dei redditi precompilata che verrà messa a disposizione dei contribuenti a partire dal 5 maggio 2020.
Per le spese che danno diritto a detrazioni o deduzioni, come per l’invio del modello precompilato, il termine ultimo per procedere con la trasmissione slitta invece dal 28 febbraio al 31 marzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti a Confesercenti

Info Seac